IL FILO DI ARIADNE

Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato.
(1984, George Orwell)

La società descritta da Orwell in 1984 è risulta agli occhi del lettore inquietante e, soprattutto, assurda. In essa una supposta verità ed il suo opposto non solo possono coesistere, ma sono anche credute vere e sostenute contemporaneamente, in base alla versione che, in quel momento, risulta più comoda al Partito che la governa. Gli slogan che vengono presentati continuamente attraverso i media non sono altro che accostamenti di concetti opposti e in conflitto e da un giorno all’altro ciò che era vero diviene falso o viceversa. Il controllo mediatico e mentale che i detentori del potere hanno sulla popolazione è totale ed assoluto, al punto che la differenza tra vero e falso non solo non è più qualcosa di concreto e apprezzabile, ma ha anche perso la maggior parte della sua importanza. E tutto questo viene realizzato cambiando il passato a piacimento e secondo necessità.

Eppure quei paradossi, che nel romanzo ci sono presentati portati al loro estremo più negativo e terribile, non sono poi lontani da fatti storici realmente avvenuti e neanche dalla nostra attuale situazione. Quello descritto da Orwell è il perfetto regime totalitario in cui pensare in proprio è il crimine più grande e più difficile che si possa commettere, in cui l’individuo non è altro che un puntino senza valore in mezzo a una massa che si muove e pensa allo stesso modo, ripetendo all’infinito concetti che le sono stati imposti da una propaganda martellante. Non è questo ciò che è avvenuto nei grandi regimi totalitari del Novecento e che avviene in quelli attuali? E non è forse simile al processo di depersonalizzazione che ciascuno di noi subisce ogni giorno a causa del bombardamento mediatico a cui siamo costantemente sottoposti? Oppure al modo in cui le nostre scelte sono condizionate da convenzioni e ideologie impostaci dall’esterno?

Il nostro passato, la nostra storia, sia quella personale che quella del nostro mondo, sono le basi su cui si fonda il nostro modo di pensare. A seconda di come viene descritto e raccontato, ogni evento storico ha un suo peso, trasmette un certo messaggio, in positivo o in negativo. Questo giudizio possiamo ricavarlo direttamente dalle fonti, anche se di solito essere rappresentano già un’idea, quella di chi le ha riportate. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, veniamo a conoscenza dei fatti storici quando essi sono già illuminati da una certa angolazione, che diventa per noi la “verità” storica, anche se in realtà non si tratta di una visione completamente oggettiva di ciò che  veramente accaduto. E lo stesso discorso vale per le piccole cose, i fatti e gli avvenimenti che si susseguono nel corso della nostra vita e ne incrociano il cammino. Ciascuna di queste “verità” ha un peso, a volte impercettibile, a volte ben evidente, nel renderci ciò che siamo e ciò che potremmo diventare in futuro. Condiziona il nostro modo di pensare, di vedere il mondo, e con essi le scelte che poi faremo basandoci sulle nostre credenze più intime.

Forse a volte vale la pena di fermarsi e guardarsi indietro, di cercare le radici di un nostro pensiero o di una nostra decisione. In un mondo in cui l’informazione è controllata, non in modo evidente e spettacolare come nel romanzo di Orwell, ma in modo più subdolo e nascosto, può diventare difficile distinguere che cosa nasce effettivamente da noi e che cosa invece siamo stati, con discrezione, spinti a pensare e a fare. Ammesso che la differenza sia davvero per noi ancora così importante come dovrebbe.

controllo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...