BOOKLOVERS: LA BIONDA DI CEMENTO

Si sa, con l’arrivo delle vacanze finalmente ci si può ritagliare un po’ di tempo per leggere. Se siete indecisi sulla prossima storia nella quale tuffarvi, non preoccupatevi, potete seguirci tutti i giovedì con le nostre recensioni e consultare virtualmente la nostra libreria sia qui: http://www.bookcrossing.com/mybookshelf/GDCalusco/ , sia sulla nostra pagina FB (a cui ogni settimana aggiungeremo un nuovo libro recensito). Se ne volte sapere di più sui libri a disposizione, potete anche passare al circolo PD di Calusco. Grazie al progetto bookcrossing, infatti, potrete ritirare il libro che desiderate e tenerlo, scambiarlo, abbandonarlo in un luogo pubblico o regalarlo..il tutto gratuitamente.

Ecco la prima recensione di oggi: LA BIONDA DI CEMENTO di M. Connelly

Titolo La bionda di cemento
Autore Connelly Michael
Dati  2003, p. 503
Traduttore Gianni Montanari
Editore Piemme

Lo chiamavano Il Fabbricante di bambole: sceglieva le sue vittime nei quartieri malfamati di Los Angeles, le strangolava e le truccava come fossero bambole sorridenti. Per un anno intero la polizia gli aveva dato la caccia e, alla fine, Bosch se l’era trovato di fronte. L’uomo, colto alla sprovvista, aveva ignorato ogni avvertimento e Bosch lo aveva ucciso. Quattro anni dopo, seduto al banco degli imputati, il detective si trova ad affrontare il processo per omicidio intentatogli dalla vedova. Ma quando, inaspettatamente, viene rinvenuto il cadavere di una bionda sepolta in una colata di cemento e truccata come le undici vittime del Fabbricante di bambole, Bosch inizia a chiedersi se l’uomo che ha ucciso fosse veramente colpevole. In un alternarsi di colpi di scena, tra l’aula del tribunale e gli uffici della polizia di Los Angeles, Connelly riesce ancora una volta a trascinare il lettore verso un inatteso, folgorante epilogo.

La bionda di cemento è un grande thriller, ma è anche uno splendido e attuale romanzo drammatico con tanti piccoli messaggi sui valori della vita, sulle distorsioni umane della società contemporanea, sul duro lavoro di chi la legge la deve far rispettare senza diventare preda dell’orrore che lo circonda ogni giorno. Un Connelly dunque in forma straordinaria, che compie un deciso salto di qualità rispetto ai primi due romanzi (La memoria del topo e Ghiaccio nero), aggiungendo alla perfezione stilistica e costruttiva tanta qualità artistica nella definizione dei personaggi (veramente eccellenti) e qualche pennellata di sentimento non mieloso.
Tensione, colpi di scena sottili e intelligenti, emozioni varie disegnate dal maestro californiano sulla tela di una storia cruda, assolutamente verosimile, cinica come la vita di una grande metropoli americana.  (ThrillerMagazine)

Altri libri consigliati di questo autore: La ragazza di polvere; Il ragno.

La critica:

“Quelli di Connelly sono thriller con l’anima.”
(Carlo Lucarelli)

“Connelly continua a tenere alti i vessilli che più gli stanno a cuore: la crudezza dello sguardo, la potenza della trama e la tensione capace di sprigionarsi da una cifra stilistica che ormai porta il marchio inconfondibile di un maestro senza rivali.”
(Corriere della Sera)

Da gustare con.. un Jack&Menta cocktail a base di Jack Daniel’s e liquore alla menta.

Buona lettura!

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...