PILLOLE DI POLITICA: IMPEACHMENT

Il termine “impeachment” fa parte del vocabolario anglosassone e può essere tradotto in italiano come “stato d’accusa”, “imputazione”. Il vocabolo indica il caso in cui i componenti del potere esecutivo, cioè del governo, o i titolari di cariche pubbliche vengano rinviati a giudizio per aver infranto la legge nell’esercizio delle loro funzioni, ossia quando ministri o funzionari statali compiono un reato mentre sono in carica. L’impeachment si è sviluppato per la prima volta in Inghilterra per poi trovare spazio anche nel diritto statunitense. Negli Stati Uniti c’è uno speciale istituto, la Camera dei Rappresentanti, che ha il compito di discutere l’accusa ed il Senato svolge il ruolo di giudice. Coloro che vengono condannati possono subire la rimozione o la destituzione dalla carica e l’interdizione dai pubblici uffici: in pratica devono andare a casa. L’impeachment non fa parte del diritto italiano; stampa e media utilizzano il termine in modo inappropriato: di solito si intende indicare il fatto che sia stata accusata una persona che ricopre un ruolo importante. Tuttavia non c’è dubbio: il termine inglese, anche se non del tutto adatto, fa più scena. Comunque l’importante è che, nonostante la carica ricoperta, chi ha sbagliato sconti la sua pena, perché la legge deve essere davvero uguale per tutti.

Annunci

RUBRICHE E ATTIVITA’ 2013/2014

L’autunno è alle porte e, come capita ormai da due anni, le nostre rubriche sono pronte per ricominciare!

Quest’anno le novità sono davvero molte, a cominciare dalla nuova rubrica “Pillole di Politica” che andrà in onda ogni lunedì sera con l’obiettivo di spiegare, ogni settimana, una parola del linguaggio politico italiano. Una sorta di dizionario “politica-italiano” dunque, dove cercheremo di rendere comprensibili tutte quelle strane e complesse parole che ogni giorno ascoltiamo in televisione o durante qualsiasi dibattito.

La novità più importante per il nuovo anno, però, riguarda “Radio GD” e “Stelle Danzanti”, che vanno in pensione per poter lasciare più spazio alle nostre attività politiche locali. “Il Filo di Ariadne” , invece, viene confermato ma con un’importante modifica, ovvero verrà pubblicato una volta al mese, con l’obiettivo di riassumere con un aforisma (ovviamente spiegato) i vari mesi di lavoro che ci aspettano. Unica riconferma CAOS DENTRO, con la nostra rubrica di attualità e cultura che andrà in onda, come sempre, ogni giovedì sera.

Le nostre rubriche faranno da sfondo, quindi, alle attività politiche-sociali che, per quanto riguarda la nuova stagione, saranno davvero molte. Innanzitutto proseguiranno le nostre “Missioni d’unità sociale”, incontrando, conoscendo e dando voce a tutte le associazioni presenti sul territorio caluschese. Ma quello che davvero ci preme più di tutto è ridare slancio e vigore ad un paese che, molto spesso, sembra davvero indifferente di fronte a quelle tematiche sensibili su cui molti giovani come noi si interrogano ogni giorno. L’idea è quella di provare ad organizzare vari eventi su queste tematiche, cercando di stimolare la partecipazione dei nostri concittadini e, perché no, scuotere un po’ di coscienze.

Insomma, ci aspetta una stagione sicuramente molto impegnativa ma, se affrontata nel modo giusto, anche molto appassionante e divertente. Noi siamo pronti, voi?