SCUOLA, UNIVERSITA’ E RICERCA

SCUOLA

COSA PENSATE DI FARE PER LA SCUOLA DI DIVERSO DAL GOVERNO BERLUSCONI E DAL GOVERNO MONTI?

Il governo Berlusconi ha sempre raccontato favole, prima con le tre I della Moratti (inglese, internet, impresa) poi con gli slogan “Serietà, merito, educazione” della Gelmini, mentre invece avveniva il più grande licenziamento di massa: 8 miliardi di tagli, e 132.000 posti in meno. Anche la qualità è calata: il maestro unico, il taglio del tempo pieno, il sostegno (il rapporto è salito da 1,95 a 2,03 alunni per ogni docente di sostegno), le classi pollaio (60 mila classi dove l’evacuazione potrebbe essere un problema) sono negatività che hanno inciso sugli apprendimenti dei bambini italiani che sono crollati col ministro Gelmini.

CHE FARE, DUNQUE?

La scuola ha bisogno di stabilità, fiducia e risorse. Promuoveremo una “fase costituente” con una consultazione nazionale. I nostri obiettivi sono di avvicinarci alle medie europee nella riduzione degli abbandoni scolastici, nel numero dei diplomati e dei laureati. Più in particolare, pensiamo ad un piano straordinario per raggiungere l’obiettivo del 33% di copertura dei posti all’asilo nido come chiesto dall’Europa. Nella scuola primaria puntiamo a rivitalizzare tempo pieno e modulo a 30 ore con le compresenze. Per la scuola media, in cui l’abbandono scolastico è diventato un punto critico, pensiamo tra l’altro che si debba allungare il “tempo scuola” (scuole aperte anche al pomeriggio con sport, tecnologia, studio in gruppo, ecc). Per il ciclo superiore, il Pd propone un primo biennio unitario, così che la scelta a quale scuola iscriversi non sia fatta in 3° media, ma maturi dopo i primi due anni della secondaria. Fondamentale in questo contesto sarà il rafforzamento della formazione tecnica e professionale per rilanciare il Made in Italy nel mondo. Pensiamo all’istituzione di Poli per l’Istruzione Tecnica Superiore che tengano insieme l’istruzione tecnica / professionale e la formazione professionale, le imprese, l’università e il mondo della ricerca. L’istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) va potenziata e gli Istituti Tecnici Superiori (ITS), istituiti come esperienze di formazione terziaria non accademica, devono rispondere sia alle esigenze imprenditoriali locali, sia ad un’offerta di eccellenza, da consolidare nei settori strategici dello sviluppo del Paese. Ridare fiducia alla scuola significa, tra l’altro, garantire un organico funzionale (cioè una dotazione di personale) stabile per almeno un triennio, attraverso un nuovo piano pluriennale di esaurimento delle graduatorie per stabilizzare i precari.

UNIVERSITÀ E RICERCA

SARANNO LE LEVE FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO. MA COME PENSATE DI INTERVENIRE PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE DI OGGI?

Veniamo da una legislatura Berlusconi-Monti coerente sull’obiettivo di indebolire il sistema pubblico dell’Università e della ricerca, ritenuto troppo dispendioso (con falsità, visto che siamo al penultimo posto in Europa per investimenti pubblici, 0,8% del PIL contro una media dell’1,3%). Come mostra il Rapporto Giarda, la spesa pubblica in istruzione è crollata dal 23,1 per cento del 1990 al 17,7 del 2009 (-5,4 per cento). Alla crisi si è risposto coi tagli: tra 2009 e 2013, -12 per cento del finanziamento statale alle università e diminuzione degli organici (2009/2012 -10 per cento di docenti e -10 di personale tecnico e amministrativo). Il risultato è la “fuga dall’università” (-10 per cento di immatricolati nell’ultimo anno), con le tasse più alte del sistema continentale e il peggior sistema di diritto allo studio: hanno borse solo il 7 per cento degli studenti (25,6 in Francia, 30 in Germania, 18 in Spagna). L’istruzione racconta la nuova questione sociale: solo il 10 per cento dei giovani italiani con il padre non diplomato riesce a laurearsi (40 in UK, 35 in Francia) e perdura lo scandalo degli idonei senza borsa, soprattutto al Sud.

CHE PROPONETE DI FARE,DUNQUE?

Discontinuità, a cominciare dalle risorse: con un rifinanziamento pluriennale delle università pubbliche per ripristinare da subito la situazione del 2012 (circa 7mld di euro) e raggiungere le medie europee in 5 anni; cancellazione dell’inutile ‘fondo per il merito’ e finanziamento di un Programma nazionale per il merito e il diritto allo studio, che affianchi gli interventi regionali e sulle residenze universitarie; passare in 5 anni da 20mila a 100mila studenti Erasmus all’anno (con sgravi fiscali per le famiglie, riconoscimento dei crediti, scambi di ospitalità); rivisitazione dell’Agenzia per la valutazione (ANVUR); meno burocrazia e più autonomia per gli atenei; per i ricercatori, contratto unico e stop al precariato; programmazione e finanziamento della ricerca con il metodo dello European Research Council; programmi di ricerca industriale per gli investimenti privati, con defiscalizzazione per le attrezzature e incentivi all’assunzione di dottori di ricerca qualificati.

 

manifesto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...