LETTERA DI FINE ANNO

Il 2012 sta per concludersi e, come successo l’anno scorso, abbiamo deciso di scrivervi una breve lettera di auguri, brindando insieme anche “telematicamente” all’anno che verrà.
Che dire…per noi questo 2012 è stato davvero l’anno della consacrazione che ci ha permesso, nei primi mesi e ancora in fasce, di partecipare attivamente con Lineacomune e il PD di Calusco alla campagna elettorale e alle conseguenti elezioni amministrative, con molti dei nostri ragazzi che hanno avuto l’onore di crescere e formarsi accanto a persone davvero straordinarie. Una grande prova di forza questa per i nostri ragazzi che, nonostante lo stress della campagna elettorale, sono riusciti a non trascurare le varie iniziative GD, alternando senza difficoltà e con grande spirito di sacrificio i due impegni.
Andando al di là della campagna elettorale, però, quello che davvero ci sorprende è vedere il nostro movimento giovanile crescere a dismisura. Come ben sapete il nostro gruppo è nato nel mese di settembre 2011 e contava, al suo interno, soli tre giovani temerari che hanno subito, per qualche mese, anche diversi attacchi da persone che comunque non credevano nella nascita di un movimento giovanile e di centrosinistra qui a Calusco. Ora, a distanza di un anno, il gruppo conta al suo interno ben 14 giovani totalmente operativi, dimostrando che la politica, quando è svolta con passione e sentimento, può davvero coinvolgere TUTTI.
Peccato che le elezioni si siano svolte nei primi mesi della nostra esistenza altrimenti, con le forze, la maturità e quel pizzico di follia in più che abbiamo conquistato in questa seconda parte dell’anno, l’esito sarebbe stato ben diverso.
Ma ora passiamo ai ringraziamenti. Quest’anno (non ce ne vogliate) abbiamo deciso di rivolgere un GRAZIE speciale a tre persone che sono state e continuano ad essere, per noi, un vero modello.
La prima persona che vogliamo ringraziare è il segretario del circolo PD Calusco Sperandio Mangili. Senza Spera, molto probabilmente, questo gruppo non sarebbe mai esistito. Ha avuto il coraggio e anche la pazzia di credere subito in questi giovani, trattandoci immediatamente come suoi figli. Non è un caso se tutto il gruppo lo chiama “papà Spera”! Dobbiamo sentirci veramente fortunati di avere una persona del valore di Spera come segretario, una persona che è stata capace di trasmetterci il significato più profondo del fare volontariato e l’essenza più alta del fare politica. Come ha detto Benigni “il fare politica è la cosa più alta per organizzare la pace, la serenità e il lavoro. Non avere interesse per la politica è come dire di non avere interesse per la vita” e tu, tutto questo, ce lo insegni ogni giorno!
Un altro ringraziamento veramente speciale va a Mario Manzoni, esponente di spicco del nostro PD locale. Un vero e proprio mentore capace, con i suoi preziosi consigli, il suo carisma e la sua determinazione, di far crescere noi giovani giorno dopo giorno in un ambiente di sana e vera politica. Mario rappresenta in tutto e per tutto l’uomo nuovo e moderno, quell’uomo che non ha bisogno di una data di nascita scritta sulla carta d’identità per sentirsi giovane e avere idee completamente nuove e di cambiamento. Grazie Mario, se diventeremo “grandi” sarà soprattutto merito tuo.
Infine vogliamo ringraziare un altro grande uomo politico del nostro paese: Alfredino Cattaneo. Una persona veramente eccezionale, spontanea, generosa, onesta e allo stesso tempo infinitamente umile. Grazie “Alfred” per farci sentire sempre così importanti, di coinvolgerci ma soprattutto di gratificare ogni giorno il nostro lavoro.
Grazie di cuore a tutti e tre, senza di voi non ce l’avremmo mai fatta.
Concludendo, grazie anche a tutte le persone che non abbiamo citato direttamente ma che ogni giorno ci supportano, ci spronano e ci fanno sentire sempre più parte della società civile caluschese.
Ma soprattutto GRAZIE a voi cittadini, che ci scrivete e contattate costantemente per segnalarci un problema o anche solo per un piccolo saluto o attestato di stima. Ricambieremo tutta questa fiducia, è una promessa!
Buone feste a tutti, nella speranza che il 2013 sia l’anno della svolta per ognuno di voi.
Con affetto,
GD CALUSCO

natale

Annunci

IL FILO DI ARIADNE

“Chi viaggia senza incontrare l’altro non viaggia, si sposta”
(Alexandra David-Néel)

Voglia di evasione, ricerca della felicità, vita, rapporti. Tutto questo e non solo è il viaggio,  capace di stimolare, indipendentemente dalla sua durata,  le passioni più profonde dell’animo umano.  Una volta partiti, tutto ciò che da quel momento si vive è il viaggio, capace di condurci verso culture  e lingue diverse, modi di fare, pensare, dire e vedere le cose molto spesso completamente differenti dai nostri. E’ proprio l’incontro con l’altro che stimola in noi il senso di scoperta, la voglia di scegliere, la necessità di condividere e affermarci in questa vita, con il viaggio che, in realtà, non termina con il nostro ritorno “a casa”. Le idee, le immagini, i suoni e i sapori che un viaggio ci regala, infatti, non fanno altro che riprodursi nella nostra mente, trovando spazio inconsciamente negli ambienti quotidiani in cui viviamo, quali il lavoro, la famiglia e gli amici. Il viaggiatore, quindi,  non è solo colui che gira il mondo da un punto geografico all’altro, ma è colui che si ferma di fronte al nuovo ascoltandolo. Una volta vissuto pienamente il viaggio, con tutte le emozioni e i turbamenti che questo suscita, ci si renderà veramente conto di quanto banale sia la nostra esistenza quotidiana.

CAOS DENTRO: La strage di Sandy Hook e il commercio delle armi negli USA

Alle 9.00 del 14/12/12  il ventenne Adam Lanza si reca nella scuola elementare di Sandy Hook, Newton, Connecticut. Rompe il vetro di una finestra con una pistola, si introduce nell’edificio e uccide la preside e la psicologa scolastica che sacrificano la loro vita per difendere dei bambini. Dopo l’omicidio delle due donne, Lanza si dirige verso una classe, ma la trova chiusa. Decide quindi di entrare in una seconda aula dove uccide a sangue freddo la supplente Lauren Rousseau e i 14 bambini della classe. Non ancora sazio di sangue, Adam si sposta in un’altra classe dove la maestra ha avuto la prontezza di nascondere i bambini nello sgabuzzino, ma sei di loro, presi dal panico, hanno tentato di fuggire e sono stati freddati dal killer. Dopo aver ucciso la loro maestra e un’altra insegnante, Lanza ha rivolto la pistola contro sé stesso e si è ucciso. Prima di compiere la strage il killer aveva assassinato sua madre, Nancy Lanza, con svariati colpi di pistola alla testa. Le armi usate per la strage sono due pistole (una Glock e una Sig Sauer) e un fucile d’assalto semiautomatico calibro 223 (probabilmente un M16). Esse appartenevano alla madre dell’omicida che le usava regolarmente in quanto appassionata di armi e poligoni di tiro. Adam Lanza aveva gravi problemi sia di salute che familiari: era infatti affetto dalla sindrome di Hasperger e i suoi genitori si erano separati tempo prima. Il ragazzo amava il computer e passava il suo tempo in solitudine, giocando a giochi di guerra per cui il giovane provava una irrefrenabile passione. Non penso che si scoprirà mai quale sia il vero movente di tale massacro in quanto l’assassino ha deciso di porre volontariamente fine alla propria vita, ma la domanda che ora sconvolge l’America è: sono giuste le “armi facili”? Si può davvero permettere che qualcosa di tanto pericoloso e poco sicuro sia alla portata di chiunque, compresi bambini e individuo psicologicamente instabili? Il secondo emendamento della costituzione americana recita che: “Essendo necessaria alla sicurezza di uno Stato libero una ben organizzata milizia, il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto”. Molti ritengono che tale emendamento permetta solo alla “Milizia” (inteso come forze dell’ordine) di possedere armi e di usarle per la difesa dei cittadini, ma gran parte degli americani ritengono che ogni cittadino americano debba avere la possibilità di detenere un’arma per la propria sicurezza individuale, che è l’idea su cui attualmente si appoggia la legge che regola l’uso e il possesso di armi da fuoco nel paese. Ottenere un’arma è relativamente semplice, anche se bisogno ricordare che dal 1968, grazie al Gun Control Act, chi ha particolari precedenti penali ha più difficoltà a entrare legalmente in possesso di una pistola o di un fucile. I colpevoli di reati, i latitanti, gli immigrati clandestini, le persone soggette a ordinanze restrittive e chi non è cittadino statunitense, non possono né acquistare né possedere armi. Altre limitazioni sono previste per chi fa uso di particolari medicinali o di sostanze stupefacenti. Le leggi dei singoli stati complicano però il quadro, ponendo numerose eccezioni rispetto alle leggi federali. Nel Vermont, per esempio, non sono necessari particolari permessi e non ci sono nemmeno distinzioni tra residenti e non residenti: tutti possono girare armati, eccetto in alcuni luoghi come le scuole. In questi giorni che sono seguiti alla strage, la voce di coloro che si indignano di fronte a questa situazione paradossale si è fatta sentire con forza sempre maggiore e si pensa già ad una nuova legge sulle armi, ma sono pronto a scommettere che, come al solito, la NRA (National Rifle Association), una delle maggiori lobby delle armi statunitensi, ci metterà lo zampino per impedire al suo impero di crollare. Inoltre, bisogna guardare in faccia la realtà: negli Stati Uniti quasi l’80% delle persone aventi diritto di portare un’arma la posseggono, per non parlare di coloro che lo fanno senza averne diritto. C’è solo da sperare che si riesca a dire basta a questo obbrobrioso commercio che semina solo morte e mai vera giustizia. E non è vero che non sono le persone a uccidere: le personearmate e con un motivo qualsiasi per farlo sono i responsabili di tutte le tragedie che sono avvenute. Speriamo che il presidente Obama decida di far passare la legge anti-armi in modo simili stragi non vengano mai più perpetrate con una tale, terrificante facilità.

newtown1-960x637

STELLE DANZANTI

Vivere?

Il cuore che batte nel petto.
Il sangue che scorre nelle vene.
La linfa che fluisce nel corpo.
La vita che costringe a percepire, agire, subire.
Ma chi ha deciso cosa deve essere?


La libertà tra gli ideali.
La possibilità di scegliere tra le ambizioni.
Il desiderio decidere tra i sogni.
La voglia di essere sé stessi tra le speranze.
Ma come se non c’è libertà, scelta di iniziare?

Una spiegazione come obiettivo.
Un motivo come risultato sperato.
Una risposta come esito agognato.
Un senso come fine.
Ma dove trovare, dove cercare?

Il tempo corre, fugge via,
tra dita incapaci di trattenerlo.
Gli eventi si susseguono imprevedibili,
via da una mente che non sa spiegarli.
Ma verso quale destinazione?

La breve luce concessa sfiorisce
e dà spazio a una condanna eterna.
Il dolore e la depressione cadono distruttivi
su effimeri momenti di pace e serenità.
Ma perché subire tutto ciò?

Solca veloce i mari tempestosi dell’esistenza
la nave del Fato, implacabile, inarrestabile.
Crea, dà vita, condanna,
assolve, uccide, distrugge,
Senza mai spiegare le sue ragioni.

E a noi resta il buio, l’incomprensibile.
E a noi resta l’inquietudine, l’inevitabile.

Astarte

CAOS DENTRO: IL GIORNO DOPO IL SISMA

 

6 Aprile 2009, h 3.32, L’aquila.
La terra trema con una potenza devastante: 5.9 della scala Richter. Trenta secondi di puro terrore mentre la popolazione, svegliatasi di soprassalto, tenta di salvarsi e di evacuare le proprie case. Immediate sono le operazioni di soccorso messe in atto non solo dai vigili del fuoco e dalla protezione civile, ma anche di coraggiosi volontari tra cui spicca l’eroe dell’Aquila rugby Lorenzo Sebastiani, che morirà sotto le macerie durante i soccorsi.
Intere frazioni come Onna e Fossa, entrambe in provincia dell’Aquila, sono completamente rase al suolo. Il bilancio della tragedia è devastante: la provincia è in ginocchio, paesi interi sono distrutti, i feriti sono circa 1178, di cui 200 gravissimi portati in ospedale d’urgenza, e i morti ammontano a 309. Alcune persone vengono estratte dalle macerie solo molte ore dopo come la studentessa Marta Valente, 24 anni, tratta in salvo dopo 23 ore da sotto i resti della casa dello studente, oppure la signora Maria D’Antuono, 98 anni, salvata dopo 30 ore, la quale ha dichiarato di aver trascorso tutto il tempo a lavorare all’uncinetto.
I funerali sono stati celebrati il 10 di Aprile, di venerdì santo. Alla funzione hanno partecipato le più alte cariche dello stato. Qualche tempo dopo si è svolto nel capoluogo abruzzese il G8 a cui hanno partecipato i più potenti uomini della terra, tra i quali il presidente americano Barack Obama. Quest’ultimo è rimasto colpito dalla rovina presente all’Aquila, che non solo ha l’aspetto di una città ferita da una grave catastrofe, ma il cui dolore è stato spettacolarizzato e usato per aumentare la propria visibilità agli occhi delle altre nazioni e dei media. Molti dei sopravvissuti sono stati portati in hotel situati sulla costa a spese dello Stato in modo da avere un tetto sulla testa, ma i meno fortunati sono stati costretti ad ammassarsi nelle tendopoli che sorgono ovunque in tutte le provincie d’Abruzzo.
Dopo un anno, al freddo, con l’igiene a livelli minimi e il poco cibo che viene servito dagli angeli della protezione civile e dai volontari giunti da tutta Italia, coloro che vivono in queste condizioni precarie decidono di andare a manifestare direttamente a Roma, guidati dal sindaco dell’Aquila e da altre importanti autorità abruzzesi, per dare voce alle loro proteste legittime, dato che lo Stato si era impegnato a sgombrare le tendopoli al massimo nel giro di un anno. A Roma, però, il corteo viene fermato e caricato dalla polizia e i manifestanti vengono presi a manganellate. Tra i feriti figura proprio il sindaco dell’Aquila.
Il senso di delusione e amarezza che si diffonde dopo l’episodio è profondo: lasciati a loro stessi, i terremotati decidono di non aspettare più i comodi del governo e alcuni di loro decidono di comprare un’abitazione a loro spese e andarsene dalle tendopoli. Alcune case di legno vengono fornite dallo stato, ma sono piccole e quasi mancano dei comfort più basilari. Molti si accontentano, ma altri invece decidono di rimanere nelle tendopoli o negli hotel. E qui sorge un altro problema: i proprietari degli alberghi sono preoccupati. Chi pagherà il conto dei “clienti”? Quando si potranno rendere gli hotel nuovamente agibili? Nessuno lo sa.
Nei primi tempi si erano fatti raccolte, concerti e collette che hanno aiutato la provincia a sollevarsi un po’, ma non è bastato. Quando l’ “effetto novità” è passato e la situazione ha perso visibilità mediatica è scomparsa l’informazione e con essa sono scomparsi gli aiuti della gente. Già dopo un anno dal sisma non si pensava più tanto al terremoto, che aveva scatenato una vera e propria psicosi, aumentata dai media. Si diceva “ci penserà lo Stato, ha promesso di occuparsene, non è affare mio”. E si andava avanti. Ma a quasi tre anni dal sisma alcuni dei terremotati si trovano tutt’ora in quegli alberghi. L’unico aiuto concreto che lo Stato ha dato è stato il cosiddetto “Decreto Abruzzo”.
Questa è ed è stata la situazione degli ultimi anni. La domanda di base a cui spero che qualcuno riesca a rispondere è: c’è qualcuno che dopo due anni e mezzo si ricorda ancora della tragedia che ha colpito l’Abruzzo, che si rende conto che c’è ancora gente costretta a vivere nelle tendopoli? Qualcuno che si chieda ogni tanto se può fare qualcosa? La risposta per almeno il 70% degli italiani è no. Perché ai nostri giorni tutte le cose vanno di pari passo e anche la solidarietà si è dovuta adeguare: va di pari passo con lo share televisivo.
 
 l'aquila

PRIMARIE IN LOMBARDIA

Questo sabato, 15 dicembre, si svolgeranno le primarie del “Patto Civico” in Lombardia. Obiettivo: vincere le prossime elezioni regionali e aprire la stagione del cambiamento!
Anche in questa occasione saranno in campo migliaia e migliaia di volontari che, come successo nelle Primarie Nazionali, mostreranno ancora tutta la loro passione spendendo gratuitamente il loro tempo per il futuro dell’Italia e della Ragione.
COME VOTARE

 

Si vota dalle ore 8.00 alle ore 20.00 di sabato 15 dicembre 2012 in seggi distribuiti in tutta la regione. Il candidato che ottiene il maggior numero di voti viene indicato come candidato Presidente del Patto Civico.
La partecipazione alle Primarie del Patto Civico è aperta a tutte le cittadine e i cittadini italiani residenti in Lombardia, in possesso dei requisiti previsti dalla legge; allecittadine e ai cittadini dell’Unione Europea residenti in Lombardia; alle cittadine e ai cittadini di altri Paesi, residenti in Lombardia e in possesso di regolare permesso di soggiorno e carta d’identità; ai giovani residenti in Lombardia che abbiano compiuto i 16 anni entro il 15 dicembre 2012. Gli elettori e le elettrici che intendono partecipare alla scelta del candidato Presidente del Patto civico dovranno versare un contributo alle spese organizzative di almeno 1 euro e fornire i propri dati anagrafici.

 

I CANDIDATI

 

Umberto Ambrosoli: nato a Milano nel 1971, è sposato con Alessandra con cui ha tre figli. Laureato in Giurisprudenza, è diventato avvocato penalista. È attualmente componente di due organismi di vigilanza ed è stato nominato dalla Banca d’Italia in tre comitati di sorveglianza in procedure di rigore relative ad istituiti e società lombarde.
Nel 2009 ha pubblicato il libro “Qualunque cosa succeda”, che narra la vicenda del padre, l’avvocato Giorgio Ambrosoli, assassinato l’11 luglio 1979 da un sicario reclutato dal banchiere siciliano Michele Sindona, sulle cui attività indagava nell’ambito dell’incarico affidatogli dalla Banca d’Italia di commissario liquidatore della Banca Privata Italiana.
La divulgazione dell’esempio del padre lo ha portato a realizzare oltre trecentocinquanta incontri pubblici dal 2009 ad oggi, con particolare attenzione alle scuole medie superiori, sui temi della legalità e della responsabilità civile di ogni cittadino.
L’8 novembre 2012 ha accettato la candidatura come garante di una ampia coalizione del centrosinistra per le prossime elezioni regionali.
Andrea Di Stefano: 48 anni, è giornalista, si occupa da sempre di economia e finanza etica. È direttore di Valori, rivista mensile promossa da Banca Etica che si occupa di economia sociale, finanza etica e sostenibilità. Collabora con Rainews 24, LaRepubblica, Il Fatto Quotidiano on-line e l’Agenzia dei Giornali Locali del Gruppo Espresso. Su Popolare Network conduce, con Gianmarco Bachi, il programma “Il giorno delle locuste”.
Dal 2007 è membro della Commissione Centrale di Beneficenza della Fondazione Cariplo.
È responsabile Affari Istituzionali e Comunicazione per la Novamont S.p.A., società all’avanguardia nel campo della scienza dei materiali e della Bioeconomia.
È membro, dal 2009, del Comitato Scientifico di Cervia Ambiente. È presidente della Cooperativa Editoriale Circom, che sviluppa progetti editoriali innovativi (tra cui la rivista Valori) che relazionano ambiente, società e sviluppo delle nuove tecnologie.
Insieme a Carlo Monguzzi e Emilio Molinari ha costituito il primo osservatorio contro le ecomafie.
Ha una compagna, Anna, e due figli.
Alessandra Kustermann: 59 anni, è dal 2009 la Direttrice dell’Unità Operativa Complessa di Ostetricia e Ginecologia del Pronto Soccorso della Clinica Mangiagalli. In precedenza (dal 1989) è stata responsabile della diagnosi prenatale. Collabora da sempre con le istituzioni della città di Milano e della Regione Lombardia, e con istituzioni nazionali ed europee.
Ha realizzato negli ultimi vent’anni il Centro contro la Violenza Sessuale e il Centro contro la Violenza Domestica, cui si è aggiunto recentemente lo Sportello per Bambini e Adolescenti Maltrattati.
Ha assunto ruoli importanti in ambito europeo (due Progetti finanziati dall’Europa – SVELA e LEXOP), in ambito nazionale (Membro del Consiglio Superiore della Sanità, Collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, collaborazione con il Ministero della Sanità) e in sede di amministrazione locale (Regione, Provincia e Comune).
Ha ricevuto le tre più importanti onorificenze lombarde: 
l’Ambrogino d’Oro del Comune di Milano (2010), il Sigillo Longobardo del Consiglio Regionale della Lombardia (2008), la Medaglia d’Oro di riconoscenza della Provincia di Milano al Soccorso per la Violenza 
Sessuale Domestica (2007).
Ha un compagno, Gianni, e tre figli.
Per maggiori informazioni: www.pattocivicolombardia.it

 

STELLE DANZANTI

Poesia

Ormai è da qualche giorno

che mi rifugio in te

per alleviare il mio dolore,

per cercare risposta alle mie domande

e talvolta nel tuo silenzio

riesco a trovare delle risposte.

La tua compagnia

mi da speranza e sollievo,

probabilmente ci risentiremo ancora

perché entrare nel tuo mondo

non mi fa pensare a quanto

triste e crudele

possa essere il mio

e mi fa credere che

il mondo possa cambiare,

so che non succederà mai,

ma quest’illusione

mi da la forza per

andare avanti.

Dreamer