CAOS DENTRO: La politica ha fallito?

10 Novembre 2011: Mario Monti, candidato alla guida di un governo definito di unità nazionale e supportato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, forma una squadra composta principalmente da professori e banchieri con l’obiettivo di sistemare la precaria situazione italiana portata dalla grave crisi economica. In quei giorni lo spread tra i titoli tedeschi e italiani si trovava intorno ai 550 punti, spread ottenuto per merito,se così si può dire, di una cattiva gestione della politica italiana di questo ultimo ventennio.
La politica, negli ultimi 20 anni, ha attuato per lo più manovre e leggi che potessero mantenere il consenso come se ci fosse una continua e incessante campagna elettorale, una campagna per le cosiddette lobby o caste che pian piano ampliavano il loro potere a scapito del libero mercato, favorevole per i cittadini, e in certi casi creando un vero e proprio monopolio, che crea povertà. Il caso più eclatante è quello delle  farmacie che vogliono tenere per se tutto il mercato dei farmaci definendo le parafarmacie, invece,  “non sicure e non controllate” senza però sottolineare che le stesse persone che lavorano in farmacia hanno seguito il medesimo percorso di studi di coloro che lavorano nelle parafarmacie. Oltre alla cattiva gestione delle risorse vi è anche il problema della rappresentanza: quanti parlamentari e senatori svolgono pienamente la loro professione e sono sempre presenti nelle rispettive poltrone quando qualcosa viene votato e deciso? Quanti di questi si dedicano alla politica solo come passatempo per ottenere uno stipendio maggiore dandosi effettivamente ad altre attività? E per ultimo, ma non per importanza, quanti di essi sono i degni rappresentanti del popolo italiano? Certo, Mario Monti ha fatto qualcosa, un qualcosa che sicuramente è differente dal clima di stagnazione precedente, ma non tutto il suo operato è condivisibile e, a questo punto, sorge spontanea una domanda:
la politica in questi anni ha fallito perchè non capace di interpretare le esigenze reali delle persone e quindi vi è bisogno di qualcuno estraneo e competente per gestire al meglio un paese complesso e affascinante come l’Italia, o c’è ancora speranza nelle nuove generazioni che il clima si modifichi e si possa parlare ancora di politica con la P maiuscola?
Questo è il mio caos dentro.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...