CAOS DENTRO: Vuole la ricevuta?

Settimana scorsa sono andata a fare una visita in uno studio medico privato: mi era stato detto che il costo sarebbe stato di 100 euro, peccato che il medico in questione si fosse dimenticato di dirmi che, se avessi voluto la ricevuta, avrei dovuto pagare 120. Avrei potuto lamentarmi al posto che pagare la cifra, ma diciamo che non sono così sfacciata e che soprattutto non avrei sicuramente risolto il problema di fondo.
La realtà è che sono troppi i privati che in questo momento fanno questi giochetti con i clienti, che spesso, per risparmiare, non pretendono la ricevuta o addirittura se ne dimenticano, come se fosse un optional e non un obbligo. La cosa peggiore è che, in questi casi, se paghiamo senza ricevuta i privati ci guadagnano senza esser tassati, mentre, se pretendiamo la ricevuta e dobbiamo pagare di più, il privato ci guadagna comunque e praticamente paghiamo le tasse al suo posto.
Questo non è l’unico caso: quante volte ci capita di andare in un negozio e la cassa “non va” e non esiste a quanto pare un blocchetto per le ricevute? Quante volte nei negozi e nei bar la cassa viene chiusa prima della chiusura effettiva e prima che tutti i clienti se ne siano andati? Quante volte alle bancarelle ambulanti i commercianti sono sprovvisti di cassa o blocchetto per le ricevute? E soprattutto, quante volte noi, per distrazione o noncuranza, ci dimentichiamo di chiedere lo scontrino?
La ricevuta non è solo un pezzo di carta che ci dice quando e quanto abbiamo speso e che ci permette, in certi casi, un parziale rimborso per alcuni servizi, ma è anche la garanzia che i privati, come tutti i lavoratori dipendenti, siano tassati secondo quanto guadagnano e che quindi paghino per i servizi pubblici di cui tutti usufruiamo. Se un privato decide di non dichiarare tutto ciò che guadagna, se ha così voglia di arricchirsi, allora che non usufruisca dei servizi per cui altri pagano!
Lo Stato dovrebbe garantire tutto questo, dovrebbero esserci controlli più mirati, norme più rigide, nessuno dovrebbe avere la possibilità di aggirare le regole e nessun cliente dovrebbe trovarsi nella condizione di dover scegliere tra risparmiare (e in questo periodo sappiamo quanto sia importante) o impedire a un privato di non pagar le tasse.
Purtroppo però non è ancora così, lo Stato non arriva dappertutto, l’unica cosa che possiamo fare è cercare nel nostro piccolo di cambiare mentalità: dobbiamo ricordarci sempre quanto sia importante quello stupido pezzo di carta, ricordarci che è la nostra garanzia e la garanzia degli altri, ricordarci che le tasse servono a pagare i servizi pubblici e che se continueranno ad esserci persone che non le pagheranno ci rimetteremo tutti, ricordarci…di ricordarlo agli altri, soprattutto a quei privati che spesso si dimenticano di tutto questo e che hanno ancora il coraggio di chiederci “Vuole la ricevuta?”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...